Euro 2012: Cassano-Balotelli, Italia ai quarti insieme alla Spagna

Obiettivo raggiunto, vincendo ma non convincendo. L’Italia, infatti, si qualifica per i quarti di finale di Euro 2012 superando per 2-0 un’Irlanda mediocre in difesa e assolutamente sterile davanti. In contemporanea, la Spagna sconfigge soffrendo l’Irlanda (Jesus Navas all’88’) ed evita per un soffio una clamorosa eliminazione, che sarebbe avvenuta con il pareggio a reti bianche. Ma torniamo agli azzurri.

A Poznan Cesare Prandelli cambia un po’ l’undici iniziale rispetto ai primi due incontri: difesa a quattro, con Abate al posto di Maggio, Balzaretti per Giaccherini ed il rientrante Barzagli per Bonucci. Davanti, invece, spazio a Di Natale, con il convalescente Balotelli relegato in panchina. L’avvio è spaventoso, gli uomini di Trapattoni vanno vicini al vantaggio dopo appena 8’’ di gioco, ma poi gli azzurri comprendono l’importanza della posta in gioco e prendono in mano le redini del match. Il gol, però, non arriva. E allora ci deve pensare il ‘folletto’ Cassano, che, nel buio della sua prestazione, pesca dal cilindro il colpo di testa che vale l’1-0 al 35’. Nella ripresa cambiano gli uomini, ma non la sostanza. L’Italia attacca, ma non trova il raddoppio, mentre le poche, pochissime folate offensive dell’Eire sono ben neutralizzate da Buffon e compagni. Entra anche Balotelli, quello inesperto e inadatto alla Nazionale, che in pieno recupero, con gli avversari in 10, trova il 2-0 con una formidabile girata al volo su azione di calcio d’angolo: titoli di coda, azzurri ai quarti insieme alla Spagna e Croazia e Irlanda eliminate.

Adesso il futuro è incerto: il gioco latita ancora parecchio, viviamo di spunti ‘casuali’ dei nostri giocatori con qualità maggiore (Cassano, Pirlo, Balotelli ed in parte Diamanti), ma almeno la difesa sembra essere sistemata: errore di Chiellini con la Croazia a parte, infatti, la terza linea è stata tutto sommato convincente. La rivale nel prossimo turno sarà Francia o Inghilterra, se non addirittura (ma è impensabile) l’Ucraina. Non potremo più sbagliare, dentro o fuori. Questa Nazionale ha le qualità per fare bene, ma deve ancora svilupparle a fondo. Ad esempio, sfruttiamo poco gli inserimenti senza palla dei centrocampisti quali Thiago Motta e Marchisio, per non parlare di Nocerino in panchina, forse anche a causa dell’assenza di una prima punta in grado di attirare su di sé i difensori avversari. Cassano, Di Natale e Balotelli, infatti, fanno tanto movimento, ma aprono pochissimi varchi per i compagni, non essendo portati a giocare di sponda. Altro capitolo, gli esterni: come mostrato da Maggio e Giaccherini, anche Abate e Balzaretti sono pieni di buona volontà, ma decisamente arretrati tecnicamente, e questo può rappresentare un profondo limite, specialmente più avanti quando ogni minima occasione dovrà essere finalizzata, perché potrebbe essere l’unica in tutti i 90’.

Comunque, il primo ostacolo è stato superato: siamo sopravvissuti ad un girone sulla carta complicato e siamo ai quarti. Ora è il momento di dimostrare il vero valore di questa selezione: o dentro o fuori, o gloria o delusione. Continueremo a sognare? Appuntamento domenica 24 a Kyev, ore 20.45.

Loading…
Loading…

 

Twitter: @FCaligaris

×

Iscriviti alla nostra pagina Facebook