Morto Lorenzo Farinelli, il medico che aveva raccolto 500mila euro per curarsi in America

lorenzo farinelli
   

Non ce l’ha fatta Lorenzo Farinelli, il medico di Ancona affetto da linfoma chemioresistente che ha raccolto 500mila euro in pochi giorni.

Lorenzo Farinelli non ce l’ha fatta. Il medico 34enne, affetto da un aggressivo linfoma non-Hodgkin a grandi cellule di tipo B e resistente alla chemioterapia, è morto prima di poter raggiungere l’America per potersi curare. Oltreoceano avrebbe avuto accesso a una terapia sperimentale che gli avrebbe garantito buone probabilità di successo. Per raccogliere i fondi necessari, aveva lanciato un appello sul web, con il supporto di amici e familiari. In pochi giorni ha raccolto più di 500mila euro.

Lorenzo è morto in casa, circondato dai familiari. Era stato da poco dimesso dall’ospedale, dopo aver ricevuto l’ultima somministrazione dei farmaci chemioterapici. La terapia era stata interrotta per prepararlo al viaggio verso gli Stati Uniti.

Lorenzo Farinelli, la raccolta fondi

“Pian pianino ho cominciato a perdere l’autonomia, ha raccontato con coraggio in un video girato per la raccolta fondi. “L’uso delle gambe, parzialmente, e la capacità di andare in bagno da solo. Al momento ho piccoli recuperi e grandi perdite”. La sua “unica possibilità davvero concreta” si trovava negli Stati Uniti, perché quella somministrata a Milano “è ancora farraginosa”. “Potete darmi una mano?”, ha chiesto Lorenzo.

“Perché io non voglio morire, voglio vivere. Ho fatto delle promesse e voglio mantenerle”. La sua città, Ancona, si è subito mobilitata per fornirgli tutto l’aiuto possibile, attraverso le donazioni di privati cittadini e associazioni. Il suo appello è diventato virale e ha raggiunto personaggi pubblici come l’attore Christian De Sica, la campionessa di fioretto Elisa Di Francisca, il medico Roberto Burioni e politici di diversi partiti. I 500mila euro raccolti verranno destinati alla ricerca scientifica, come aveva annunciato lo stesso Lorenzo.

Fonte: notizie.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Iscriviti alla nostra pagina Facebook