La gente comune vuole il calcio. Ripresa del campionato ed altro a Radio Punto Nuovo

Pallone di calcio

Nobili: L’Italia va fatta ripartire sotto ogni punto di vista, anche quello sportivo, sennò rischia grosso. Come Italia Viva siamo stati i primi a chiedere la ripartenza del Paese e di settori strategici che sono stati chiusi fin troppo e sconteranno una pesante crisi economica

A ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione in onda su Radio Punto Nuovo, sono intervenuti opinionisti e giornalisti per parlate della ripresa del campionato di calcio, di Mertens accostato all‘Inter e  di altro.

Questi i loro interventi riportati da FirstRadio.Com:

Faggiano: “Parma pronto al rispetto del protocollo. La gente comune vuole il calcio”

Daniele Faggiano, ds Parma: “La mia società è pronta. Siamo stati forse troppo bravi a rispettare il protocollo, pur non essendo d’accordo al 100%. Aspettiamo cosa decideranno, intanto tutti si sono dati da fare per rispettare meticolosamente il protocollo, ed all’ultimo cambia, come al solito.

Se un giocatore si ammala di Covid-19, deve essere solo lui ad andare in quarantena per 20 giorni, come in Inghilterra, se deve andare tutta la squadra, vuol dire che non si può più giocare. Non contesto le altre squadre, non so come stanno le altre società, se hanno possibilità di ritiro, come potremmo avere problemi loro, potrebbero averli anche loro. Non è un protocollo facile, solo che noi forse siamo stati più pronti.

Ci sono tante contraddizioni, hanno aperto i parchi senza pensare che 25 giocatori potessero andare in un parco ad allenarsi, però gli hanno impedito di andare individualmente al centro sportivo. C’è un po’ di confusione, parlare male della politica è quella più semplice, ma la più sbagliata, da cittadino.

Adesso va trovata una soluzione, non solo per il calcio, ma quando la mia squadra si è tolta lo stipendio, sui giornali Nazionali non è stata ripresa come si doveva. Quello che voglio rendere noto è che se rinunciamo agli stipendi, i soldi li togliamo allo Stato per le tasse, quindi bisogna fare riforme diverse per abbassare le tasse, rinunciando a stipendi, ma facendo incassare lo Stato che non deve abbandonare la gente comune”.

Nobili (Italia Viva): “Governo sordo alla nostra richiesta di riapertura dello Sport. Siamo in ritardo”

Luciano Nobili, deputato Italia Viva: “L’Italia va fatta ripartire sotto ogni punto di vista, anche quello sportivo, sennò rischia grosso. Come Italia Viva siamo stati i primi a chiedere la ripartenza del Paese e di settori strategici che sono stati chiusi fin troppo e sconteranno una pesante crisi economica. Anche sullo sport siamo indietro, si parla del 25 maggio, ma nessuno ha il sostegno necessario per ripartire.

C’è poi la Serie A che è necessario riparta, perché ha un indotto importantissimo ed impiega tanta gente, non solo i calciatori milionari. Fino a tre settimane fa avevamo un quadro in cui sembra impossibile la ripartenza, chi se ne doveva occupare diceva “Non se ne parla proprio”, un Governo sordo a questa richiesta, un Ministro dello Sport che sembrava più improntato allo stop che alla ripresa.

Ad oggi, una ripresa è più probabile, c’è una convergenza tra le intenzioni dell’AIC, società, Federazione e Lega. C’è un confronto col Governo, ma è ovvio che per ripartire serve mettere da parte un certo populismo, alibi, da cittadino romano ancora sconto la rinuncia alle Olimpiadi di Roma. Nel protocollo del CTS ci sono cose che non condividiamo, l’ho detto al Ministro.

La quarantena che comprende tutta la società, non esiste al mondo, in nessun altro comparto. Se in un’azienda c’è un dipendente positivo, va in quarantena, non si chiude l’azienda. In Parlamento abbiamo avuto casi positivo, non mi risulta di aver chiuso. Così deve funzionare anche per lo sport. Spero prevalga la saggezza e si giunga ad un accordo. I protocolli sono in contraddizione l’uno con l’altro, non si capisce perché al ristorante bisogna avere 4 metri tra ogni cliente ed in metropolitana solo 1. Ovviamente stiamo cercando di aiutare chiunque, l’economia deve ripartire”.

Troise: “Mertens all’Inter? C’è interesse, ma è frettoloso parlare di trattativa avanzata”

Ciro Troise, Corriere del Mezzogiorno: “Mertens all’Inter? So che l’Inter ed il Chelsea sono molto agguerrite. Marotta ha chiesto a De Laurentiis di non fare scortesia. Non mi risulta che il Napoli è tagliato fuori, perché una decisione definitiva si avra solo quando sarà risolto tutto. Che l’Inter è interessato, ma secondo me è frettoloso sostenere che ci sono documenti e firme.

Il Golden Tulip è chiuso con lavori in corso, già nella conferenza pre Napoli-Torino. Il personale è in cassa integrazione, quindi andrebbe trovata un’altra da dedicare alla squadra. I giocatori sono stati chiari all’AIC, non vogliono andare in ritiro se non si ha la certezza di riprendere il campionato. Ripresa? Per me sarà fondamentale l’incontro tra Conte e Dal Pino”.

Chiariello: “Questo è il punto nodale: trovare la compatibilità, la quarantena per tutta la squadra non lo è con la ripresa del calcio”

Umberto Chiariello, giornalista, con il suo EditoNuovo: “Decreto rilancio enorme, si chiedono interventi, snellimento della burocrazia, molta gente sta aspettando ancora i primi provvedimenti, i primi 600 euro ancora non erogati. C’è una cosa più importante dei soldi stessi, ciò ché bisogna far capire è uscire dalla prigionia del CTS. Ringrazio professionisti che hanno lavorato tutti i giorni, ma se deleghiamo la politica a loro, falliremo in meno di 2 mesi.

È come mettere una macchina da F1 ad un autista ordinario. Puoi essere il migliore autista del mondo in città, ma se non sei uno specialista, non puoi correre in Formula 1. Non mi interessa opposizione, Governo, bisogna far ripartire bar, ristoranti, parrucchieri, calcio. Farli ripartire in questo modo, vuol dire farli fallire. Questo è il punto nodale: trovare la compatibilità, la quarantena per tutta la squadra non lo è con la ripresa del calcio”.

Pallone in rete Serie A

PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE CLICCA QUI

SSC Napoli, gli esiti del terzo tampone: staff e squadra negativi

UFFICIALE – Infortunio Manolas: le condizioni, il comunicato della società

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Marinaio accoltella due colleghi

Paolo Pizzo a #FacciamociCompagnia – Speciale Scuola – Tutto sui concorsi

Tennis: US Open 2020 a New York, ma si valutano anche altre idee

loading...

About Vincenzo Vitiello

Giornalista

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.