“Più di quello che si vede”, la psoriasi raccontata in una campagna di sensibilizzazione

Non solo disturbo cutaneo ma sistemico. Una campagna di comunicazione invita il pubblico a prestare attenzione ai diversi segni e sintomi

(foto: BSIP/Universal Images Group via Getty Images)

Si manifesta in varie forme e in varie sedi e non è associabile, per l’insorgenza, a una sola causa: il riferimento va alla psoriasi, un disturbo cutaneo che può manifestarsi a qualsiasi età ma che non riguarda solo la pelle, come spesso si pensa. Infatti, sono riconducibili a esso anche l’artrite psoriasica e l’onicopatia psoriasica (quando sono le unghie a essere colpite).

Dare la giusta attenzione a sintomi e segnali è importante, per poi confrontarsi con lo specialista -il dermatologo- e capire come eventualmente gestire i trattamenti per la cura, evitando ritardi e sottovalutazioni. Anche perché, come ricorda il titolo della campagna di sensibilizzazione lanciata da Novartis, alludendo alla sua dimensione sistemica, “La Psoriasi è più di quello che si vede”.

Naturalmente la diagnosi spetta al medico o alla specialista ma è possibile approfondire la conoscenza sul tema sul sito dedicato (www.lapelleconta.it/psoriasipiùdiquellochesivede) per saperne di più e  verificare la presenza di eventuali sintomi rispondendo alle domande proposte nella sezione Sintrack. Il messaggio lanciato è quello di “ascoltare il proprio corpo e non aver paura di chiedere consiglio allo specialista”. Come già detto, sebbene nota come per la sua manifestazione più comune, quella connotata da lesioni a placche, esistono altre forme in cui la psoriasi si manifesta (pustolosa, guttata, seborroica, amiantacea): in alcuni casi, infiammazione e gonfiore interessano le cellule delle articolazioni, in maniera monoarticolare e non.

La campagna, sostenuta dalla Società italiana di dermatologia medica, ma anche da Adoi, Adipso e Anap, vuole quindi invitare il pubblico a prendere consapevolezza (la psoriasi è ad andamento cronico e si possono manifestare tipologie diverse di remissioni nel corso del tempo). Sul sito è anche possibile cercare i centri diagnostici più vicini a casa propria o utilizzare il numero verde a disposizione per sapere dove si trovano, come prenotare, ecc. Il corpo, e la pelle, parlano e bisogna stare in ascolto ma anche i soggetti non colpiti direttamente farebbero meglio ad approfondire: spesso, ai disturbi che alternano l’aspetto fisico, anche solo parzialmente, sono associati pregiudizi ma la psoriasi non è contagiosa. Occhio anche alla qualità di vita delle persone che ne soffrono, nel circolo della famiglia o tra gli amici: al variare della severità, può variare anche il benessere dell’individuo.

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche