Un super cashback da 3mila euro per chi usa di più i pagamenti digitali

Il governo intende premiare i primi 100mila cittadini che avranno fatto il maggior numero di acquisti cashless. L’annuncio di Conte

(Foto: Ipa)

Il piano cashless del governo italiano per combattere l’evasione fiscale e ridurre l’uso del contante a favore di pagamenti tracciabili si accresce di una nuova iniziativa. Si tratta di un nuovo incentivo che andrà a sostituire il vecchio “bonus Befana”  con quello che è stato definito come un “super-cashback” che potrà tradursi in un rimborso del valore fino a 3mila euro su dodici mesi.

A presentarlo è lo stesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in un intervista rilasciata a La Stampa ha dichiarato che “i 100mila cittadini che useranno maggiormente la carta – cioè faranno più transazioni a prescindere dalla cifra spesa – avranno un rimborso di 3.000 euro l’anno. Inoltre, ci saranno fino a 50 milioni di euro in palio con la lotteria degli scontrini, solo per chi usa la moneta elettronica”.

Anche questa nuova iniziativa si inserisce quindi nel progetto più ampio di lotta al contante e all’evasione – che ha raggiunto ormai quota 109 miliardi di euro l’anno – messa in campo dall’esecutivo e prevalentemente imposta su misure compensative, rimborsi (cashback) e bonus erogati a chi decide di utilizzare pagamenti tacciabili.

Altro cardine della battaglia ai pagamenti in contanti è infatti un altro sistema di cashback che il governo ha inserito nel decreto legge Agosto e che prevede per i pagamenti cashless effettuati a partire sempre dal primo dicembre 2020 il rimborso semestrale del 10% delle spese fatte per un tetto massimo di 3mila euro l’anno (1.500 euro per ogni semestre) di acquisti effettuati con pagamenti elettronici negli esercizi fisici, con l’esclusione quindi di quelli online.

Questa forma di cashback “base” affiancherà quindi il “super cashback” che verrà riconosciuto soltanto ai primi 100mila consumatori che avranno fatto il maggior numero di acquisti con carte e altre forme di pagamento senza contanti. Per garantire il massimo controllo, inoltre, il rimborso previsto da queste misure verrà accreditato direttamente sul conto corrente e per ottenerlo bisognerà quindi registrarsi sull’app Io della pubblica amministrazione.

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche

loading...