Gasperini esalta il Milan: “Meritano il primo posto”

Gasperini

Gasperini risponde alle domande, dopo il pari di Udine

L’Atalanta si ferma a Udine. Il tecnico Gasperini ha parlato nel post partita. Tra gli argomenti trattati, anche il Milan, prossimo avversario dei bergamaschi in Serie A

 

L’Atalanta pareggia 1-1 a Udine nel recupero di campionato. Così Gian Piero Gasperini ha parlato a “Sky Sport” del match: “Prendere gol dopo 25 secondi non ha sicuramente aiutato, dobbiamo accettare il risultato. Non sono rammaricato, la squadra ha recuperato lo svantaggio e giocato nella loro metà campo, potevamo vincere ma segnare non è facile. Dobbiamo essere soddisfatti di ciò che abbiamo fatto”. 

TANTI CAMBI – “Non è un messaggio che ci riguarda, abbiamo cambiato Muriel, Pessina, Romero, sono giocatori titolari. Giocando ogni tre giorni abbiamo necessità di ruotare, sono molto contento delle nostre rotazioni, di chi gioca e di chi entra”.

ROTAZIONI – “Maehle e Miranchuk? Il primo è appena arrivato e sta facendo bene, ha ancora difficoltà a conoscersi coi compagni ma ci è utile per ruotare Hateboer e Gosens. Lo stesso vale per Miranchuk, ha qualità tecniche, magari ci darà maggior offensività in futuro. Trequartisti mancini? Ilicic gioca anche sull’altro lato, ma non può giocare con così tanta continuità di rendimento. Quando deve uscire dobbiamo adattarci con giocatori bravi, ma che non hanno le stesse caratteristiche. L’abbiamo fatto con Pasalic e Malinovskyi, ora anche con Miranchuk”.

MILAN – “Da stasera pensiamo al Milan, la partita è complessa, ci teniamo molto. Siamo in una buonissima posizione con Napoli, Juve, Lazio e Roma, siamo a combattere con degli squadroni. Siamo soddisfatti, ora c’è la Coppa Italia e poi la Champions, ora ci misuriamo col Milan. Per il girone d’andata fatto, il Milan merita di essere lì. Stanno facendo qualcosa di straordinario, anche perdendo giocatori importanti. Meriti a Pioli e alla squadra”.

MURIEL – “Luis esploso con me? Non lo so, ti posso dire che è straordinario. Ha un’esplosività tale per cui 90’ non li gioca, ma 60/70’ sì, è in grandissima condizione e ha sempre avuto colpi. Me lo ricordo ragazzino a Udine e Lecce, faceva vedere cose incredibili. Ora lo impiego così con Zapata e Ilicic e forse così ottengo il massimo da lui”.

loading...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.