L’ex di Armie Hammer: “Voleva farmi togliere una costola e mangiarla, mi ha inciso con un coltello”

Tutta Hollywood, e non solo, parla di Armie Hammer e del suo presunto cannibalismo. In queste settimane si moltiplicano le testimonianze di donne che avrebbero avuto a che fare con l’attore e confermerebbero quanto è emerso da alcuni screen finiti per sbaglio su Twitter e dai quali si è scatenata l’intera faccenda. In un’intervista rilasciata al Daily Mail, l’ex fidanzata del divo, la modella Paige Lorenze, ha rivelato alcuni particolari piuttosto inquietanti sul loro rapporto.

Il racconto di Paige Lorenze

La 22enne, infatti, ha rivelato che l’attore era solito manifestare l’intento di spingersi in rapporti intimi che comprendessero atti brutali e animaleschi che potessero soddisfare le sue più astruse fantasie. Alla testata britannica la modella racconta: “Avevo lividi su tutto il corpo, quando stavamo insieme. Ero la sua fantasia alla Christian Grey nella vita reale. Avevo morsi ovunque, era completamente ossessionato dal mordermi. Mi diceva: “Vanne fiera, perché sono morsi d’amore”. Il racconto, però, diventa drammatico quando emergono particolari a dir poco sconcertanti:

Una volta mi ha detto: “Se non mi dici di fermarmi, mangio un pezzo di te”. Ed era serio: voleva davvero mangiare un pezzo della mia carne. Cercava un dottore a Los Angeles che rimuovesse una mia costola, “tanto non ti serve”. Poi lui l’avrebbe cotta alla griglia e l’avrebbe mangiata davanti ai miei occhi. L’ha detto più di una volta. Era serissimo. 

L’incisione con il coltello fatta da Hammer

Sulle pagine del Daily Mail Paige Lorenze racconta gli attimi di angoscia che ha vissuto accanto al suo ex compagno che, inoltre, in uno dei loro incontri l’ha davvero ferita, marchiandola con un coltello. Armie Hammer, stando a quanto rivelato dalla 22enne, giustificava questo suo comportamento con gesti d’amore e di possesso:

Amava fare questi giochini col coltello, teneva la lama sopra di me oppure la passava sulla mia pelle. Era fissato con tutto questo, e di solito riusciva a non tagliarmi. Ma quella sera aveva deciso che voleva marchiarmi come fossi una sua proprietà, scrivendo il suo nome sul mio corpo. Cercava di razionalizzare quel gesto dicendomi che era la prova del suo impegno a fare sul serio con me. Non pensavo che l’avrebbe fatto davvero, quando mi chiese: “Dove ti scrivo la A?”. Ma, prima ancora di poter realizzare quel che stava succedendo, aveva già affondato il coltello sopra la mia vagina. Il dolore era fortissimo. Ma non volevo sembrare debole. Lui sorrideva di fronte a quello che aveva fatto, diceva che il taglio non era abbastanza profondo.

La giovane ha poi continuato il suo racconto dichiarando alla testata che Hammer si sarebbe anche vantato del gesto compiuto, parlando con più persone e che, ovviamente, questo atteggiamento è stato a dir poco umiliante per la sua persona. Eppure, soggiogata dal divo di Hollywood non riusciva a sottrarsi alle sue richieste. Solo una volta finita la loro storia, lei ha voluto eliminare quell’incisione tramite il laser.

I legali dell’attore commentano le dichiarazioni

Intanto, da quando la storia è stata resa nota, sul conto di Armie Hammer sono emerse una dietro l’altra dichiarazioni sconcertanti che lo inchioderebbero come predatore sessuale e confermerebbero le accuse di cannibalismo. L’avvocato del divo, dopo questa intervista ha così commentato l’accaduto: “Queste affermazioni riguardo al mio cliente sono assolutamente false. Qualsiasi interazione con questa persona, o con qualsiasi altra partner, è stata del tutto consensuale, frutto di una decisione presa di comune accordo tra le due parti coinvolte”. 

loading...