“Curare l’omosessualità con le supposte”, l’ultima follia di una dottoressa del Kuwait

Mariam-Al-Sohel-Kuwait
   

La dottoressa Mariam Al-Sohel è un’accademica kuwaitiana che ha affermato di aver scoperto una cura per l’omosessualità. Non solo, costei ha anche annunciato la “genesi” dell’omosessualità, a suo dire figlia di larve.

Intervistata da Scope TV, la dottoressa Mariam ha spiegato come funziona la “cura”. “Ho scoperto supposte terapeutiche che frenano le pulsioni sessuali dei ragazzi gay- dice la dottoressa– e delle ragazze lesbiche E’ scienza, non c’è nulla di cui vergognarsi. L’impulso sessuale si sviluppa quando una persona viene attaccata sessualmente. C’è un verme anale che si nutre di sperma. Esatto, si nutre di sperma”.

Parole fuori controllo, che fanno sorridere per quanto deliranti, se non fosse che questa Al-Sohel sia un medico a tutti gli effetti. “Quello che ho fatto è stato produrre delle supposte, che devono essere usate da certe persone in un dato momento. Queste supposte curano quegli stimoli, sterminando il verme che si nutre di sperma”.

La dottoressa Mariam sostiene di aver inventato due diversi tipi di supposte, di colori diversi. Fondamentale, a suo dire, anche la dieta. “Qualsiasi cibo sepolto sottoterra offre stabilità agli uomini, rafforza i muscoli e aumenta la loro mascolinità”, ha spiegato, aggiungendo: “I cibi più amari aumentano la mascolinità”.

Leggi anche:
In Svezia svelano il modo di lavorare bene e felicemente: ecco qual’è

Potrebbe interessarti anche:
“Pull a Pig”: la nuova frontiera dei bulli

Leggi anche:
Torre del Greco (NA): Guardia Costiera sequestra oltre tre tonnellate di cozze!

NelloPaolo Pignalosa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Iscriviti alla nostra pagina Facebook