Paola Turci aveva già confermo il suo orientamento sessuale

Paola Turci

Paola Turci già nel 2018 aveva smentito le voci sul suo orientamento sessuale. “Non è vero che sono lesbica, mi piacciono gli uomini”.

Secondo Fanpage, Paola Turci aveva smentito il fatto di essere gay nel 2018 tramite un’intervista:

“Le foto di Paola Turci in barca con Francesca Pascale sono state pubblicate sul settimanale Oggi con un virgolettato inequivocabile: “Le foto proibite del loro amore”. Ma le immagini in questione mostrano un bacio sfocato (che potrebbe essere tranquillamente sulla guancia) e null’altro. Inoltre, la cantante nel 2018 in tv aveva smentito le voci che da anni l’avrebbero voluta lesbica non dichiarata: “Dicono di me che sono lesbica e non è vero, ma non mi dispiace. Purtroppo però mi piacciono gli uomini”.

Quando Paola Turci smentì di essere lesbica

Paola Turci il 28 dicembre 2018 smentì la sua presunta omosessualità durante un’intervista televisiva nel programma Belve di Francesca Fagnani. Incalzata dalla giornalista sull’argomento, nella richiesta di prendere una posizione più chiara, la Turci si sfogò dicendo di essere molto serena rispetto il suo orientamento sessuale e che l’insistenza con la quale a personaggi come lei ed Emma Marrone, a sua volta ‘stressata’ dai media sull’argomento, era stata posta la domanda aveva offeso più il mondo LGBT che le loro come donne. L’intervento tese a smontare la demonizzazione del termine lesbica e la tesi che dietro il suo silenzio ci fosse un non detto inconfessabile:

Sarebbe anche il momento che i giornalisti, i media la smettessero di affibbiare la definizione ‘gay’, ‘lesbica’ a qualcuno per poi farci i titoli di copertina dei giornali. Emma non avrà sofferto per questa cosa ma si sarà indignata per l’aspetto sociale che questa cosa rappresenta. Uno pensa che se ti dicono ‘lesbica’, ti offendono, questo mi dà fastidio tantissimo. Il pubblico lo sa chi sono. Se io mi fidanzassi con una donna, andrei in giro per strada, non mi nasconderei in casa, questo è un po’ il concetto, ma purtroppo mi piacciono gli uomini.

Francesca Pascale e l’ipotesi reale di una famiglia arcobaleno

La Pascale invece nel 2019 affidò all’Huffpo le sue parole rispetto l’ipotesi di potersi creare un giorno una famiglia arcobaleno. La donna al tempo era ancora la compagna di Silvio Berlusconi e non escluse nella rosa di possibilità della sua vita privata una relazione con un’altra donna:

Il clamore e la curiosità che suscita questa mia dichiarazione sono il sintomo che c’è ancora tanto da fare… non amo le definizioni, né le categorie. Oggi amo Silvio ma se domani mi innamorassi di una donna, che male ci sarebbe? L’amore è il principio cardine della vita e all’interno di quello tutto è possibile. Quindi non pianifico la mia vita secondo uno schema precostituito. L’unico confine che vedo non è tra eterosessuali e gay ma tra libertà e repressione, tra dignità e pregiudizio, tra cultura e ignoranza.”

loading...