Per la prima volta i malware per Mac superano quelli per pc

Aumentano le minacce specifiche contro le macchine Apple. Ma per pericolosità, i malware contro i dispositivi con a bordo Windows restano più gravi

Per anni i Mac sono risultati di gran lunga più al riparo dai malware rispetto ai pc. Il numero di quelli per i computer con a bordo Windows superavano quelli contro la Mela. Ma ora una ricerca ha svelato che le minacce informatiche contro le macchine di Apple per la prima volta in assoluto sono di più rispetto alle loro controparti. Da un report di Malwarebytes, un produttore di software antivirus, emerge un aumento del volume delle minacce verso i mac pari al 400% anno su anno.

L’aumento di tali minacce è in gran parte dovuto a un maggior numero di utenti che adoperano i Mac, che offrono un più ampio numero di bersagli ad attori malevoli. Nel 2019 la società ha rilevato una media di 11 minacce per endpoint Mac rispetto alle 5,8 minacce per endpoint pc Windows. Rispetto al 2018 le minacce endpoint verso i Mac sono passate da 4,8 a 11.

Malwarebytes ha riscontrato che le minacce rivolte verso i Mac differiscono significativamente da quelle verso i pc. Se le macchine Windows sono più soggette a infezioni da parte di malware classici, sui Mac sono legate agli adware, programmi di annunci pubblicitari, e Pup, ossia software potenzialmente indesiderati che s’installano nel computer senza l’autorizzazione dell’utente.

Sebbene considerati molto meno pericolosi dei malware che attaccano i pc, adware e Pup sono solamente la prima avvisaglia del crescente numero di attacchi e stanno dimostrando che i Mac non sono invulnerabili come la vulgata vuole.

Gli utenti pc, però, non devono abbassare certo la guardia poiché sono circa 24 milioni i rilevamenti di infezioni da adware per le macchine Windows. Nel complesso, tra il 2019 e il 2018 gli attacchi di questi malware sono cresciuti del 13% tra i privati e del 463% tra le imprese.

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Iscriviti alla nostra pagina Facebook